Kappa Future Festival, al Parco Dora arriva lo show techno

© Marco Menghi

Il 6 e il 7 luglio la location si trasforma in un grande club open air per ospitare l'ottava edizione dell'evento musicale

Weekend musicale a Torino, dove torna la nuova edizione del Kappa Future Festival, la due giorni di musica elettronica e arti digitali che il 6 e il 7 luglio trasforma ancora una volta il Parco Dora nel palcoscenico di concerti techno-house dal taglio internazionale.
Un lungo programma denso di appuntamenti per un totale di 24 ore di musica con eventi no stop da mezzogiorno a mezzanotte per due giorni di divertimento. Quattro palchi sempre occupati da dj set per una programmazione di prestigio internazionale. Unico festival italiano dedicato alla scena club e 30° al mondo per importanza nel settore, come segnalato dalla rivista DJMag UK, l’evento torinese è pronto a ospitare per questi due giorni di musica oltre 70 DJ, tra vere e proprie leggende e nuove leve che stanno emergendo nel panorama techno-house.

Kappa Future Festival, al Parco Dora arriva lo show techno

Artisti conclamati come Seth Troxler, Carl Cox e il terzetto Apollonia si affiancano ai nomi emergenti più interessanti del panorama attuale come Denis Sulta, Enzo Siragusa e molti altri. E in questo nutrito gruppo di artisti spuntano due nomi tra tutti: Derrik May, pioniere della musica techno, e la super star mondiale Nina Kraviz.
Interessanti appuntamenti anche con le sfide artistiche che vedono esibirsi Gerd Janson  e  Prins Thomas,  Motor City Drum Ensemble  e  Jeremy UndergroundAdam Port e  Reznik in una battle in console tra dj.
E per un festival riconosciuto come uno dei più importanti a livello internazionale non poteva mancare un’organizzazione degna dei grandi appuntamenti.
L'evento trova il sostengo del Progetto europeo di ricerca Horizon 2020, Kappa Future Festival avrà la possibilità di lavorare con impianti acustici di ultima generazione che riducono l’impatto acustico sull’ambiente, con un monitoraggio in tempo reale. Rimanendo nel campo ambiente grande attenzione è data anche alla sostenibilità con l’adesione al progetto TRASHed Art of Recycling di GLOBAL INHERITANCE, il festival si propone di sensibilizzare il pubblico sul riciclo tramite l’arte.

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti