Kean: "Cristiano Ronaldo mi ha insegnato tanto alla Juve"

L'attaccante si presenta all'Everton: "Non ho lasciato l'Italia per il razzismo, voglio dimostrare il mio valore"

LIVERPOOL - Cristiano Ronaldo, un richiamo al razzismo e tante spiegazioni sulla scelta di lasciare la Juventus. Moise Kean si presenta ai tifosi dell'Everton con la voglia di fare bene e di raccontare le sue ambizioni: "Vedo che è un'ottima squadra, daremo il massimo. Quanti gol voglio fare? Magari dico sette ma ne posso segnare di più o di meno. Quanto è stato difficile lasciare la Juve? Tutti vogliono giocare e dimostrare se stessi, io sono qua per fare questo e per dare il 100%, far vedere quanto valgo. Sono uno a cui piace aiutare la squadra, dare il massimo per i compagni che corrono per me, per raggiungere i nostri obiettivi". Una lezione imparata dal più grande: "Ho giocato anche con grandi attaccanti, ho avuto la fortuna di giocare con Cristiano Ronaldo e imparare, quello che ho imparato lo porterò qua".

Voglio ripagare i tifosi

I sostenitori dell'Everton hanno predisposto una campagna di raccolta fondi per esporre uno striscione contro il razzismo, il modo migliore per dare il benvenuto a Kean: "Lo striscione dei tifosi e la loro solidarietà nella lotta al razzismo sono una cosa più che bella, perché il razzismo va combattuto sempre e cercherò di ripagare i tifosi nel modo giusto, regalando emozioni. Mi sento ancor più motivato per dare il 100%. Quando è successo il fattaccio di Cagliari ho sentito la Juventus, i tifosi e i compagni vicini, mi hanno sostenuto. Sono stati accanto a me per combattere. Quel fatto non ha contribuito a farmi lasciare l'Italia per la Gran Bretagna". Kean sogna di conquistare il pubblico inglese: "Mi piace l'Everton e sono un grande fan della Premier League. Insieme ai compagni possiamo arrivare lontano, è per questo che sono qui".

Articoli correlati

Caricamento...

Dalla home

Vai alla home

Commenti