Cristiano Ronaldo sveglia la Juve: sempre più leader, scuote i compagni

Nella notte di Napoli ha cercato di riavviare l’agonismo fino alla fine, negli spogliatoi era furioso per la sconfitta

TORINO - Perdere è la cosa che sa fare di meno, anzi non la sa fare affatto, perché Cristiano Ronaldo ci sta male anche quando non vince la partitella del giovedì, figuriamoci quando ne perde una vera, in uno stadio storico e praticamente senza combattere. Bastava vederlo nei venti minuti finali, quando in teoria ci sarebbe dovuto essere un arrembaggio bianconero alla ricerca del pareggio, ma in realtà c’è stato lo stesso compassato atteggiamento del resto della partita: CR7 tarantolato, cercava di liberarsi, di inventarsi qualcosa, ma senza fortuna. D’altra parte, anche per lui non era una serata particolarmente fortunata, ma la smania non mancava, come non manca quasi mai.

Il post su Instagram di CR7 per Georgina

In campo ha spronato più volte i compagni. Negli spogliatoi lo descrivono con sguardi fiammeggianti e di pessimo umore. Dopo un anno e mezzo di Juventus sta iniziando a esserne uno dei leader o, quanto meno, un trascinatore, visto il suo particolare carattere e la sua attitudine in campo che riesce sempre a essere particolarmente motivante per il resto del gruppo.

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti