Italia, O'Shea: "Non meritavamo un trattamento del genere"

© Getty Images

Il commissario tecnico azzurro parla del suo futuro: "Rimango fino al Sei Nazioni, poi ne dovremo discutere"

TOYOTA - "Sono molto deluso: per i ragazzi, lo staff, i tifosi. Abbiamo lavorato tanto, non meritavamo un trattamento del genere. E' una giornata molto difficile, sarà dura venire fuori". Il commissario tecnico della Nazionale italiana, Conor O’Shea, manifesta tutto il suo disappunto dopo la notizia dell’annullamento di Italia-Nuova Zelanda, match valevole per i Mondiali di rugby, a causa il tifone Hagibis che sabato arriverà in Giappone.

O'Shea e il suo futuro con la Nazionale

La conclusione del Mondiale arrivata a tavolino lascia l'amaro in bocca al ct O'Shea che traccia comunque un bilancio: "Abbiamo fatto due buone partite all'inizio, poi col Sudafrica siamo un po’ mancati mentalmente, dovevamo metterli sotto pressione, non siamo stati presenti in alcuni momenti fondamentali. Con gli All Blacks avevamo un piano preciso: è un peccato non sapere come sarebbe andata a finire. Non siamo ancora ai massimi livelli, ma abbiamo preso la strada giusta". E sulla sua permanenza alla guida della Nazionale azzurra, O'Shea non si sbilancia: "Sicuramente sino al Sei Nazioni, se vogliono. Poi, dovremo discuterne".

[[smiling:91889]]

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti