Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Una birra dopo l'attività fisica è meglio degli integratori

Vai alla versione integrale
© ANSA

Lo rivela Luca Gatteschi, uno dei medici della Nazionale di calcio: «Lontano dallo sforzo questa bevanda ha effetti positivi»

ROMA - Il terzo tempo anche nel calcio. Può essere un'ottima idea non solo come gesto di fair-play, ma addirittura per la salute dei calciatori. Sì perchè una sana birra dopo una partita può essere anche meglio degli integratori per recuperare dallo sforzo fisico. E questo vale anche per la corsa. A dirlo non è una persona qualunque, ma Luca Gatteschi, uno dei medici della Nazionale di calcio. Lui si prende cura dei calciatori migliori del nostro Paese, quindi è impossibile non dargli retta. «Come per un atleta, le migliori prestazioni della birra si vedono anche sul fronte sportivo - ha spiegato Gatteschi all'AdnKronos Salute durante il convegno 'Birra e salute, birra e sport. Incontri possibili o impossibili?, al 'Beer Attraction' a Rimini promosso da Unionbirrai -. Lontano dallo sforzo questa bevanda ha effetti positivi, e grazie alla minore quantità di zuccheri, al maggior contributo di magnesio, fosforo, calcio e complesso B, se limitata a una piccola quantità, la birra è anche più valida di un qualsiasi altro integratore energetico perché più completo».

LA CIOCCOLATA FA BENE

ESULTANZA CON LA BIRRA - C'è chi esulta per un gol segnato sorseggiando una birra a bordo campo: lo ha fatto di recente il bomber dell'Empoli Massimo Maccarone, dopo la rete del 2-1 contro il Bologna. E anche durante il ritiro della Nazionale, un po' di birra ai calciatori è concessa. «Durante i raduni della Nazionale c'è anche la possibilità di bere una birra - racconta Gatteschi - Questa bevanda può tranquillamente stare sulla tavola di una squadra di calcio anche durante i ritiri. Per i calciatori, o gli sportivi in generale, meglio quelle a bassa gradazione e artigianali. Una 'Gose' o una 'Weiss', ad esempio, dopo una partita di tennis, hanno lo stesso valore di un’aranciata. Basta che non si superino i 3-4 gradi alcolici».

NON SOLO PER UOMINI - La birra non è assolutamente una cosa solo da uomini anzi. Alcune ricerche avrebbero dimostrato che i benefici della birra nello sport sarebbero maggiori nelle donne: «Secondo alcuni dati ci sarebbe una prestazione sportiva migliore il giorno dopo l’assunzione di birra - sottolinea il medico della Nazionale - Uno studio pubblicato sull''International Journal of Sport Nutrition' ha verificato che la reidratazione con birra e acqua non è inferiore a quella apportata con la sola acqua - ha aggiunto - In più le birre, soprattutto quelle artigianali e non filtrate, sono ricche di magnesio». Insomma, se alcuni studi hanno dimostrato che un bicchiere di vino rosso a tavola può avere effetti benefici, la birra non è da meno. Basta ricordare che si parla sempre di alcolici e bisogna farne un consumo moderato: «Ci sono studi che hanno evidenziato come un consumo moderato di birra può dare dei benefici a chi è diabetico o cardiopatico. Si parla in genere di un'unita alcolica per le donne e di due per gli uomini, ovvero una lattina o bottiglia di birra (330 ml) di media gradazione. Il segreto sta nei cereali e nel luppolo: quest'ultimo ha proprietà antiossidanti, ci sono alcuni lavori scientifici che stanno monitorando l'effetto neuroprotettivo delle sostanze presenti nel luppolo».

Informativa
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. X