Volley: Superlega, Marco Falaschi torna a giocare a Castellana Grotte

Il regista pisano, dopo cinque stagioni vissute in Montenegro e in Polonia, torna in Puglia nella società dove ha già giocato dal 2010 al 2012

CASTELLANA GROTTE (BARI)- Primo acquisto in vista della prossima stagione per la New Mater Castellana Grotte che riporta in Italia Marco Falaschi reduce dalla Final Four di Champions League con lo Zaksa K?dzierzyn-Ko?le con il quarto posto delle Finals di Champions League appena concluse a Kazan.

Il palleggiatore pisano dopo cinque anni passati fra Montenegro e Polonia sarà il regista della formazione passata sotto la guida tecnica di Paolo Tofoli.

Nel periodo passato all'estero Falaschi ha centrato importanti risultati vincendo di Campionato e Coppa con il Budvanska Rivijera (Montenegro)– e poi in Polonia con Lotos Trefi Gdansk (Anastasi tecnico), Katovice ed appunto lo Zaksa.  Nel suo Palmares 1 Coppa ed 1 Supercoppa di Polonia (con il Lotos), un secondo posto in Plusliga sempre con la formazione di Anastasi e ben quattro annate in Champions League culminate quest’anno con la  conquista delle Finals di Kazan.

Un percorso di crescita e di esperienza davvero importante per il regista pisano che con Castellana ha mantenuto un rapporto speciale. 

Nel 2010 Marco Falaschi e la New Mater incrociarono i loro destini per affrontare entrambi per la prima volta il grande viaggio della A1. La società castellanese aveva appena cambiato proprietà, l’anno precedente aveva dominato la regular season ma dalla roulette dei playoff arrivò la beffa dell’eliminazione in semifinale. La rinuncia di Taranto pero’ spalanco’ le porte della massima serie alla formazione che parti’ con Lattari e fini’ con Gulinelli in panca sfiorando una clamorosa salvezza trionfando sul campo della Slsley Treviso.

Il ventitreenne Falaschi era l’investimento per il futuro. Il promettentissimo palleggiatore cresciuto a Santa Croce fu uno dei protagonisti di quel periodo con la nuova promozione  e la conquista della Coppa Italia di A2 nel 2012  e l’ottavo posto con qualificazione ai playoff di A1 l’anno successivo.

L’abbandono delle alte scene della New Mater indirizzo’ Falaschi all’estero, in un percorso sportivo di indubbio valore e che porterà in dote nel suo nuovo esordio nel campionato italiano.

Paolo Tofoli e il Ds Bruno De Mori cominciano la costruzione del nuovo roster proprio dal ruolo più importante; sulle caratteristiche di gioco di Falaschi dunque proseguiranno le valutazioni sugli altri innesti , come sottolinea proprio il neo tecnico castellanese:

« Sono molto contento di avere Falaschi; è il primo tassello nella formazione che stiamo allestendo. Sono 4-5 anni che Marco gioca fuori dall'Italia, sicuramente ritornerà con grandissimi stimoli per fare bene. È un palleggiatore esperto con caratteristiche tecniche importanti. Predilige un gioco veloce e rapido, infatti con il direttore sportivo De Mori, stiamo valutando giocatori che sappiano attaccare quel tipo d'alzata. Non è un giocatore altissimo ma a muro si fa valere molto bene. Per lui dovrà essere un campionato esaltante per poter ambire a rientrare nel giro dei palleggiatori della nazionale ».

Nazionale che Falaschi ha già assaporato in passato esordendo  l'11 giugno 2011 Corea del Sud-Italia 1-3 e collezionando 10 presenze con la partecipazione ai Giochi del Mediterraneo 2013 e conquistando il bronzo nella World League dello stesso anno.

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home