Pirelli, 13 mila gomme per una sola gara

I numeri del “gommista” alla 24 Ore di Spa, dove ha rifornito oltre 100 vetture: “Se una gomma va bene a Spa va bene ovunque”

FRANCORCHAMPS (BELGIO) – La Formula 1 rimane di gran lunga la principale vetrina del motorsport. Dove una foratura, a maggior ragione se doppia, può diventare un caso mediatico internazionale meritevole di approfondite indagini. Tuttavia altre categorie del motorsport, pur avendo meno visibilità, garantiscono un maggior integrazione tra racing e prodotto di serie. Ne sono esempi perfetti la 24 Ore di Le Mans, gommata Michelin e Dunlop, tanto quanto la 24 Ore di Spa, territorio Pirelli.

Il “gommista” del Circus rifornisce infatti decine di campionati automobilistici diversi, tra cui le Blancpain GT Series, di cui Spa è la massima espressione europea. Al via dell'edizione 2017, vinta da Audi, erano schierate in griglia di partenza ben 63 vetture, cui aggiungere anche le auto delle gare di contorno, ossia il Lamborghini Super Trofeo e il GT Sport. Per un totale di oltre 100 macchine da rifornire: Pirelli è arrivata in Belgio con la bellezza di 24 camion a rimorchio, in previsione di utilizzare durante tutto il fine settimana oltre 13 mila pneumatici tra slick Pzero DHD e wet Cinturato WH per la pioggia. Ogni vettura che partecipa alla 24 Ore cambia infatti un treno di gomme a ogni pit-stop per avere sempre coperture fresche, sfruttando al massimo le prestazioni della macchina e perché l'usura è drasticamente superiore a quella di un normale utilizzo stradale; l'Audi vincitrice ha completato ben 549 giri, percorrendo oltre 3.800 km in un solo giorno a una velocità media di 181 km/h.

Pirelli riceve dunque una mole considerevole di dati, una volta analizzati vengono trasferiti al centro ricerca e sviluppo della Bicocca. “Il motorsport ci aiuta a sviluppare i nostri prodotti di serie – ha dichiarato il responsabile di pista Pirelli a Spa Matteo Braga – perché lavoriamo con gli stessi costruttori con cui lavoriamo sui pneumatici stradali”. A partire da Bentley, Ferrari, Lamborghini e McLaren: per supportare tutti i team è volato in Belgio uno staff di ben 112 persone, di cui 80 tra ingegneri e tecnici, divisi in tre squadre per coprire altrettanti turni da 8 ore. “Il feedback che otteniamo – prosegue Braga – ci permette di validare processi e soluzioni che vengono trasferite al prodotto stradale. Spa è la sfida per eccellenza della gare GT, se hai un prodotto performante qui significa che hai una gomma performante ovunque”.  

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home