Volkswagen, nel 2019 arriva la Golf con l'ibrido leggero

Il marchio tedesco spinge sull'elettrificazione e annuncia il debutto di una versione della bestseller equipaggiata con starter generator e batteria a 48 V

ROMA – L'immortale Golf offre una vasta gamma di alimentazioni: benzina, diesel, metano ed elettrica. Manca l'ibrido, così Volkswagen annuncia dal 2019 una nuova versione di Golf con tecnologia “mild hybrid”, altresì detto ibrido leggero con uno starter generator integrato nella cinghia e una batteria a 48 V a supportare il motore termico. Consentendo alla vettura di “veleggiare” a motore spento, risparmiando vino a 0,3 litri di carburante ogni 100 km.

Una soluzione già ben nota all'interno del Gruppo, con Audi che ha recentemente ottenuto l'omologazione ibrida per A4, A4 Avant, A5 Coupé, A5 Sportback e A5 Cabriolet 2.0 TFSI - oltre che per le nuove gamme A8 e A7 Sportback.

Frank Welsch, Membro del Consiglio d’Amministrazione del marchio ha commentato: “L’interazione di diverse fonti di energia (elettricità, benzina, gasolio e metano) rappresenta un cambio di paradigma per la Volkswagen. Per la prima volt a, la Marca offrirà in contemporanea un modello come la Golf, con propulsori convenzionali e assistiti elettricamente, e una gamma 100% elettrica come sarà la I.D. Family”. Il prossimo anno, infatti, oltre alla Golf ibrida debutterà anche la prima elettrica della nuova gamma.

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home