f

Alfa 4C by Picchio Racing: 600 cv per la montagna

La sportiva del Biscione guadagna 360 cavalli e diventa una bestia mangiacurve per correre il Campionato Italiano Velocità Montagna. 

ROMA - Già nella versione di serie l'Alfa 4C è una sportiva piccola e molto cattiva. L'avevamo provata a Balocco in versione roadster e il motore turbo da 1750 cc, in grado di erogare 240 cv a 6000 giri con una coppia di 350 Nm a 2100 giri, è veramente in grado di regalare grandi emozioni. Per lo scatto 0-100 km/h sono, d'altro canto, sufficienti 4,5" e la velocità massima è di 258 chilometri orari, merito anche di un peso contenuto (per la versione coupé) in 920 kg. Ora provate a immaginare di aumentare un "pelino" la potenza, diciamo fino a 600 (seicento!) cavalli e provate anche a immaginare che razza di accelerazione può erogare. 

Alfa Romeo 4C Spider, la nostra prova su strada

PICCOLA BESTIA - Ecco la nuova bestia che il pilota Marco Granenzi piloterà dal 1° maggio nel Campionato Italiano Velocità Montagna. Si chiama AR Picchio MG, per suggellare l'impegno comune della casa del Biscione, dei preparatori di Picchio Racing e del pilota stesso e in futuro sarà equipaggiata da un propulsore completamente made in Arese, quando si avranno gli opportuni sviluppi in relazione alle sollecitazioni a cui si sottopone la trasmissione. Picchio, coordinata dall'ing. Francesco Dipietrantonio sta curando tutta la parte inerente le sospensioni, l'assetto, l'alloggiamento del propulsore e la sofisticata quanto vistosa aerodinamica necessaria per tenere a terra tanta potenza. Mirage Motor Company diretta dall'ing Marco Pistillo, ha adeguato la carrozzeria alle mutate esigenze dell'auto.

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home