MotoGp Yamaha, Rossi: «Meglio i rivali di una volta, ora fanno i furbi»

© AFPS

In onda domani su Sky Sport MotoGP una intervista speciale per i 40 anni del pilota italiano

ROMA - Nel corso degli anni la MotoGp è cambiata e anche tanto, lo può testimoniare anche Valentino Rossi, che domani, 16 febbraio, sarà festeggiato da Sky Sport MotoGP con una programmazione dedicata e con l’intervista esclusiva di Guido Meda, ”Vale40, the Movie”, in onda alle 14 su Sky Sport Uno e alle 15 su Sky Sport MotoGP (e poi a rotazione sul canale, alle 17.30 e alle 19.30). Il cambio d’epoca lo ricorda bene Rossi anche durante l’intervista, ricordando gli avversari di un tempo: «Si poteva anche avere una rivalità vera con tutto quello che comportava - racconta il Dottore - Adesso la furbizia la fa da padrona, è una cosa di comodo. Adesso far finta di andare d’accordo con tutti, per molti finisce per essere una maniera di risparmiare del tempo. Oggi una rivalità come quella con Biaggi sarebbe molto più difficile da gestire. Ma mi piaceva di più. Prima era meglio. Non ci dovrebbero essere obblighi. Ci sono quelli per cui hai del rispetto, della simpatia... Va bene, ma gli altri? Quelli con cui proprio non va? Anche no! Non c’è bisogno che andiamo d’accordo con tutti per forza!».
VITA DA FILM - La vita di Valentino Rossi è un film, di cui lui è stato fino a qui protagonista da Oscar. Non è un caso che sia ancora una delle star dello sport più acclamate e conosciute nel mondo. Ed è proprio attraverso spezzoni di film che si sviluppa “Vale40, the Movie”: le scene cult di alcuni film diventano spunti per domande attraverso le quali Valentino racconta se stesso. Una chiacchierata molto aperta sulla vita e la personalità di un campione costretto dall’età al cambiamento e alla maturità.

Di seguito alcuni spezzoni dell'intervista

- In Gomorra, con durezza dicono “C’arripijiamm tutt’chill che o nuost”.
GM: Tu ti sei dovuto riprendere molte cose: i titoli persi per esempio da cui riscattarsi, oppure la serenità dopo l’incidente in cui è scomparso Simoncelli
VR: “Io ascolto “We Got to take the power back” dei Rage Against the Machine. La metto per caricarmi, per cercare di riscattarmi quando le cose non vanno. Le cose quelle sportive intendo. Ma quella di Simoncelli è proprio tutta un’altra area. Lì ci sono dolori e sentimenti che vanno in un’altra direzione e che restano dentro per sempre come una cosa mia. In quel periodo io avevo anche l’età giusta per smettere, ma c’è stata la passione per quello che facciamo che ha compensato la fatica di quel momento. Così, la verità è che non ho mai pensato di smettere. La passione mi ha mandato avanti”
 
- In una scena di Perfetti Sconosciuti, uno dei protagonisti propone ai commensali di mettere i cellulari al centro del tavolo...
GM: Che ne pensi di questo gioco?
VR: “No no, non si fa! Non è neanche giusto. Ognuno deve avere un margine per i propri segreti. Certo , se uno ha una relazione sentimentale in corso deve anche sapere dove fermarsi. Però è giusto che ciascuno abbia una parte della vita che è solo sua. Nel mio caso la privacy è sacra. Adesso è diventato un incubo. Siamo tutti controllati, da mattina a sera. Nei telefoni con i social c’è tutto, di tutti. Che poi è assurdo perché con i social siamo noi stessi che facciamo vedere delle cose di noi,  ci mettiamo in mostra e ci sembra anche una gran figata. Poi un giorno scopriremo che è una sciocchezza incredibile!”
 
GM: Però, di’ la verità, non sarai tanto diverso dagli altri. Insomma, passi anche tu del gran tempo con la faccia nel telefono?
VR: “Eh, sì. Quando mi annoio. Fa ridere che ci siano delle volte in cui rinsavisci di colpo, butti il telefono e a te stesso dici... “basta adesso!”. Poi il telefono è implacabile, perché adesso ti manda anche il messaggio in cui ti dice quante ore l’hai usato in una settimana, che è perfetto per farti sentire in colpa”.
 
- Jerry Calà in Bomber, con Bud Spencer, canta “caro amico ti schivo”.
GM: Mi viene in mente un nemico che hai sempre schivato e che forse oggi puoi rivalutare perché con lui avevi una rivalità schietta. Parlo di Biaggi.
VR: “Sì è vero, ma era diverso il tempo, l’epoca, il mondo. Si poteva anche avere una rivalità vera con tutto quello che comportava. Adesso la furbizia la fa da padrona, è una cosa di comodo. Adesso far finta di andare d’accordo con tutti, per molti finisce per essere una maniera di risparmiare del tempo. Oggi una rivalità come quella con Biaggi sarebbe molto più difficile da gestire. Ma mi piaceva di più. Prima era meglio. Non ci dovrebbero essere obblighi. Ci sono quelli per cui hai del rispetto, della simpatia...Va bene, ma gli altri? Quelli con cui proprio non va? Anche no! Non c’è bisogno che andiamo d’accordo con tutti per forza!”.

Tutte le news di MotoGp

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti