F1,Hamilton: «Vorrei più curve come nella formula junior»

© EPA

Il pilota della Mercedes giudica troppo semplici gli angoli delle piste e invita la federazione a riflettere

TORINO - Lewis Hamilton punta il dito contro il layout delle piste in Formula 1; a suo dire troppo facili per i piloti che sbagliano. «Le curve di Donington Park sulle quali ho corso da junior sono molto più difficili di qualsiasi curva in Formula 1». Il campione del mondo ha puntato il dito in particolare contro le vie di fuga in asfalto, che avrebbero azzerato le differenze tra i piloti. Hamilton ha puntato il dito soprattutto contro l'ultima gara della scorsa stagione, tenuta ad Abu Dhabi. Sarebbe stato il layout della pista, infatti, a rendere difficoltosi i sorpassi. Nulla a che vedere con la pista di Austin sulla quale correva tempo fa. 

RICORDO Per Hamilton «La Fia ha fatto un lavoro incredibile, ma ora basta con queste vie di fuga larghe come parcheggi. Un pilota non dovrebbe poter tagliare una curva come si è visto fare più volte» ha aggiungo il campione del mondo. «Quello che amo dei vecchi tempi, ovviamente, non sono gli incidenti, ma il fatto che, se vai lungo, perdi tempo». Hamilton ha continuato spiegando che oggi, un pilota, può affrontare un angolo sapendo che il 5% in più della velocità non genera conseguenze. «Sono fan di circuiti come Oulton Park e Donington. A Donington il tornante era un incubo: dovevi frenare, arrivare con la giusta velocità in curva ed affidarti all'aerodinamica». Considerazioni che arrivano proprio mentre la Formula 1 sta valutando quali tracciati debbano subire delle modifiche per migliorare la qualità dello spettacolo.

Tutto sulla F1 

F1, nuove regole per il 2018

 


 

 

 

 

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home