Nations League, Spagna-Croazia 6-0. Ok il Belgio e la Bosnia di Pjanic

© AFPS

Vice campioni del mondo umiliati dalla squadra di Luis Enrique, mentre i 'Diavoli Rossi' calano in il tris in Islanda e il bomber della Roma regala ai balcanici la vittoria sull'Austria

TORINO - Vince e convince la nuova Spagna di Luis Enrique, che dopo aver battuto 2-1 a domicilio l’Inghilterra travolge la Croazia Elche e allunga al comando del Girone 4 della Divisione A a quota 6 punti. L'ex tecnico di Roma e Barcellona schiera le ‘Furie Rosse’ - capitanate dal difensore Sergio Ramos - con un 4-3-3 in cui Busquets fa il play e Saul la mezzala mentre Asensio Isco sono gli esterni ai lati del centravanti Rodrigo del Valencia, preferito a Morata. Sull’altro fronte Dalic opta per un 4-2-3-1 in cui con capitan Modric sono titolari tre “italiani”, tutti interisti: il terzino destro VrsaljkoBrozovic in mediana e Perisic sulla linea dei trequartisti mentre si accomodano inizialmente in panca il laziale Badelj, il napoletano Rog e il fiorentino Pjaca. A partire meglio sono i vice campioni del mondo, che nei primi venti minuti sfiorano il vantaggio con Santini (nuovo centravanti dopo l’addio di Mandzukic alla Nazionale) e Perisic ma al 20’ perdono Vrsaljko per infortunio (dentro Rog). Errori fatali, perché al 24’ non sbaglia invece Saul di testa su cross di Carvajal. Una volta in vantaggio poi la Spagna diventa padrona del campo e sale in cattedra Asensio: il fantasista del Real prima (33’) beffa il mal posizionato Kalinic con un sinistro dal limite e poi (35’), sempre col mancino, colpisce la traversa propiziando l’autorete dello stesso portiere che sulla ribattuta manda involontariamente la palla in rete. Prima dell'intervallo manca di un soffio il poker di testa Rodrigo che si rifa però dopo il riposo, andando a segno al 49' su assist dello scatenato Asensio mentre al 56' è Sergio Ramos a fare 5-0 di testa su azione da corner.  La Croazia non c'è e al 70' c'è gloria anche per Isco che trova il gol del definitivo e clamoroso 6-0.

Spagna-Croazia 6-0: numeri e statistiche del match

TRIS BELGIO - Esordio in Nations League senza problemi per il Belgio che passeggia in Islanda e archivia il risultato già nel primo tempo. Con Mertens in campo tutta la partita (l’asso del Napoli ha agito da esterno d’attacco alternandosi sulle due fasce con Hazard), la squadra di Martinez ha sbloccato proprio con il fuoriclasse del Chelsea (rigore al 29’) e due minuti dopo ha raddoppiato con il solito Lukaku (rete convalidata dall’arbitro senza Goal Line Technology con la palla entrata non di molto). Nel secondo tempo il tris ispirato proprio da Mertens, che dalla destra ha pescato con un cross rasoterra Lukaku: da manuale la girata d’esterno sinistro del centravanti del Manchester United per il definitivo 3-0. In pieno recupero l’attaccante del Napoli ha fallito da buona posizione la palla del poker: il suo sinistro si è spento di poco a lato. 

Islanda-Belgio 0-3: numeri e statistiche del match

PJANIC E DZEKO SPINGONO LA BOSNIA - Dopo aver battuto l'Irlanda del Nord a domicilio, la Bosnia si impone di nuovo, ancora di misura, contro l'Austria: nel gruppo B3 i balcanici sono a punteggio pieno e a questo punto super favoriti per essere promossi nella Serie A della prossima edizione della Nations League. 90' per Pjanic (apparso lucido e recuperato dal piccolo problema accusato nel finale della prima gara) e Dzeko, straripante e trascinatore per tutta la partita. Poco da segnalare, in termini di occasioni, per i primi 45': una grande parata di Sehic ad inizio gara sul tentativo dalla distanza del capitano dell'Austria Arnautovic - ex nerazzurro ai tempi di Mourinho, con un triplete nel palmares - e una grande azione di Dzeko, a tratti letteralmente inarrestabile, conclusa con un assist a centro area per Duljevic non sfruttato. Nella ripresa il numero 9 bosniaco prova a rifarsi, il suo destro al volo a botta sicura viene respinto da Alaba a portiere battuto. L'Austria ci prova di più, al 70' gol annullato per fuorigioco, ma è la Bosnia a far male: contropiede impostato da Pjanic, rifinito da Saric e chiuso da Dzeko con un preciso diagonale di sinistro. È il gol che decide la partita, l'Austria attacca ma senza pungere e al 95' è il neo entrato Krunic ad avere anche la palla buona per il raddoppio ma il suo tiro viene respinto a un metro dalla porta.

Bosnia-Austria 1-0: numeri e statistiche del match

FINLANDIA-ESTONIA 1-0Decisivo il gol segnato da Pukki al 12' su assist di Soiri.

UNGHERIA-GRECIA 2-1Vittorie di Ungheria e Finlandia nei match della Lega C. I magiari si impongono per 2-1 contro la Grecia nonostante il gol realizzato di testa dal romanista Manolas (in campo un'ora) a pareggiare la rete iniziale di Sallai. La vittoria della Nazionale del ct italiano Rossi porta la firma di Kleinheisler al 43'. Nell'altro match alla capolista Finlandia basta un gol di Pulki al 12' per avere la meglio dell'Estonia fanalino di coda del gruppo 2. 

SAN MARINO-LUSSEMBURGO 0-3 - Perde ancora San Marino in casa contro il Lussemburgo (prima sfida in assoluto) nella gara valida per il gruppo 2 della Lega B. Il 3-0 condanna la Nazionale di Varrella all'84ª partita senza vittoria. Si avvicina sempre di più lo storico record negativo di Andorra fissato a 86 incontri. Pareggio senza reti fra Moldavia e Bielorussia nell'altra sfida del gruppo.

MOLDAVIA-BIELORUSSIA 0-0 - Senza reti il match tra Moldavia e Bielorussia.

Articoli correlati

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home