Torino, se Belotti torna Gallo l'Europa non è un sogno

© Getty Images

Di nuovo cattivo e insieme sorridente: un mix irresistibile, per i rivali e i bimbi granata. L’esordio da titolare nel 2018 ha portato anche il primo gol con Mazzarri. E domenica...

TORINO - L'uomo è lo stesso, ma in base al personaggio che interpreta si può trasformare nel Gallo dal sorriso d’oro o nel centravanti incupito, nel principe stinto d’azzurro di venturiana memoria. Ebbene di Andrea Belotti, domenica al Grande Torino, si è rivista una versione molto vicina a quella migliore. Anche nella cornice al quadro: prima della gara si è abbracciato con Maxi Lopez, ad esempio. Un segnale non indifferente, visto che l’argentino, nella passata stagione, giocava all’ombra dell’attaccante granata. Tra i due, tuttavia, non si è montato alcun risentimento, il rapporto è scivolato via sereno, pur nella competizione, stravinta da Belotti, per una maglia da titolare. Sempre prima che Abisso desse il via ai giochi il piccolo Lorenzo, un altro “gallo” per quanto non per meriti calcistici, s’è portato dietro l’entusiasmo, gli applausi e la sana emozione di uno stadio scandendo “Forza-Vecchio- Cuore-Granata” con sulle spalle il numero 9 del capitano. A sua volta veicolo di positività quando lo speaker del Torino, Stefano Venneri, scandendo le formazioni ha preso una pausa per celebrare, gridandolo, il rientro dal primo minuto di A-N-D-RE- A B-E-L-O-T-T-I. Bum! Dalla Maratona alla Primavera, passando da Distinti e Tribuna, l’applauso che si è levato all’indirizzo del calciatore più godurioso tra i granata è stato fragoroso.

DAL RIMPIANTO ALLA GIOIA - Questo l’epilogo a una gara che ha visto Belotti in campo dal primo minuto per la prima volta, nel 2018. Nelle prime due partite del nuovo anno l’attaccante era rimasto fuori per le conseguenze di un infortunio al ginocchio. L’esordio di Mazzarri - 3-0 al Bologna in scioltezza - e la seconda del tecnico toscano - 1-1 a Reggio Emilia contro il Sassuolo nella prova peggiore, almeno guardando alla ripresa, da quando Cairo ha inaugurato il nuovo corso - se l’è quindi viste da fuori. Masticando amaro, ma con la voglia di rendersi protagonista insieme all’ex del Watford.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home