Torino, Mazzarri: «Se sono tornato in Italia è perché ho il fuoco dentro»

© Paolo Pavan ©

La felicità del tecnico granata dopo l'esordio vincente contro il Bologna: «Ho voglia di fare bene. Il rigore? Era chiaro». Lode a Niang: «Ha potenzialità pazzesche»

TORINO - «Sono contento, chi mi conosce bene sa che una vittoria mi cambia l’umore. Se sono tornato in Italia è perché ho il fuoco dentro e ho voglia di fare bene». Parole chiare quelle di Walter Mazzarri. L’allenatore del Torino ha parlato dopo il bell’esordio contro il Bologna, sconfitto per 3-0: «Ringrazio il presidente per come stanno andando le cose in questi pochi giorni. Ho avuto la sensazione che questi ragazzi sono davvero intelligenti. Il 4-3-3 mi piace tanto – ha detto il tecnico in conferenza stampa -, oggi comunque era diverso dal solito. Niang va solo motivato, gli va data fiducia perché ha delle potenzialità incredibili. Neanche lui sa dove potrebbe arrivare». Mazzarri ha anche detto la sua sull’episodio del rigore: «Era chiaro, se l’arbitro ha utilizzato il Var era evidente. Quando ho protestato era perché è da tanto che non alleno e sono andato dal quarto uomo a dare un consiglio. Volevo che si riguardasse l’azione di Baselli. In quel momento eravamo in dieci, anche i giocatori del Bologna potevano buttare fuori la palla. Comunque l’arbitro ha preso questa decisione ed è giusto così».

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home