Torino, la scienza dice «rosa da 7° posto»

© LaPresse

Il CIES ha rianalizzato il valore delle rose (connesso ai rendimenti) dei 5 maggiori campionati europei (Inghilterra, Spagna, Germania, Italia e Francia) e ha steso una speciale classifica

TORINO - Tutto questo nuovo ribollire di sentimenti, conti e considerazioni, in vista del mercato di gennaio, è assolutamente in linea con quanto suggerisce la realtà. In classifica, il Toro è ottavo, ai margini dell’Europa (il Milan è avanti di 2 punti, sul 7° gradino: decisivo per vedere la qualificazione, Coppa Italia permettendo). La gradutoria dunque, dopo grossomodo un terzo della stagione, dice che i granata sono lì, in una situazione di limbo: né carne né pesce, ma con l’arrosto ancora a portata di mano. Questo sostiene il campo, dopo illusioni e tracolli, punti strameritati e ingiustizie del Var e dei suoi controllori. Il calendario aiutava, il Toro non lo ha sfruttato a dovere, poi si è progressivamente originata la dissoluzione del pensiero mihajlovicciano, infine l’auto sbandata è tornata in carreggiata: e ora, dopo 12 giornate, pare quasi che sia trascorso un campionato intero, visti quanti accadimenti si sono sviluppati sul suolo granata, fra colpi di scena in andata e ritorno, e mutamenti di prospettive. Eppure, nonostante tutto, la squadra è ancora lì, in classifica: messa non benissimo, con alle porte un mese e mezzo bollente sul prato, ma comunque ancora in corsa, eccome. Dipenderà dal numero di colpi di coda, di qui a Natale. E lo sostiene anche la scienza, diciamo così, che il Toro è ai margini dell’Europa, in Italia. Il Cies Football Observatory, prestigiosa e indipendente agenzia internazionale svizzera, con sede a Neuchâtel, fondata nel 2005, specializzata in analisi statistiche e finanziarie sul calcio, ha appena partorito un nuovo studio. Ha rianalizzato il valore delle rose (connesso ai rendimenti) dei 5 maggiori campionati europei (Inghilterra, Spagna, Germania, Italia e Francia) e ha steso una speciale classifica. Il Torino è 30°, globalmente, e 7° tra le squadre della serie A. Il valore della rosa granata è stato indicato in 225 milioni di euro. Cifre più alte per Lazio (309), Inter (445), Milan (457), Roma (595), Napoli (721) e Juventus (743 milioni). E’ stato così anche ri-tarato il valore economico di Belotti, il granata ovviamente più “pesante”, potenzialmente, portafoglio alla mano: 84 milioni di euro.

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home