Serie A Sassuolo, De Zerbi: «Dobbiamo ripetere la prestazione di Napoli»

© www.imagephotoagency.it

Il tecnico: «Contro l'Inter serviranno attenzione e cura del dettaglio. I nerazzurri stanno bene ed hanno una grande forza offensiva»

SASSUOLO (MO) - "Dobbiamo fare una partita uguale a quella di Napoli". Questo l'auspicio di Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, alla vigilia della gara con l'Inter. L'allenatore neroverde prosegue: "Non dobbiamo però incappare negli errori che ci hanno fatto prendere i gol e soprattutto serve migliorare la rifinitura delle azioni offensive. Tante volte noi facciamo tutto bene e poi con l'ultimo passaggio non riusciamo a tirare in porta. Serve migliorare in quel frangente. Momento? Capisco che veniamo da tre sconfitte di fila - ammette -, ma le prime due hanno detto una cosa, l'ultima un'altra. A Napoli abbiamo fatto bene, con l'Inter servirà ancora più attenzione e cura del dettaglio. Infortuni? Siamo nella media più o meno, ma il fatto è che alcuni riguardano diversi ruoli importanti. Boateng? Non è al 100%, quando è stato al top della forma ha spostato i nostri equilibri. Inter? Penso abbiano tutti a disposizione tranne Keita, con il Benevento ho visto una squadra che gioca e sta bene. Anzi, giocano da dietro forse più del Napoli. Davanti hanno giocatori forti, ma se pensiamo alla loro forza non pensiamo più a quello che possiamo fare noi. Chiaramente abbiamo rispetto dell'Inter, serve una partita perfetta da parte nostra e una giornata no per loro. Chiusura degli stadi? Sono contro, non si può sparare nel mucchio, ma ci adeguiamo. Sono contento di essere dove sono, sto bene e lavoro per alzare l'asticella. Non bisogna accontentarsi, ma guardando le prestazioni (a parte Roma e Atalanta) non abbiamo fatto male, ci siamo caratterizzati per una nostra identità e lanciato calciatori giovani e forti. Siamo all'inizio del percorso, ma quello che è stato fatto non è poco. Mercato? Può essere che arrivi qualcuno dietro ed esca qualcuno avanti, ma non ci penso, il mio lavoro è allenare la squadra. Lucioni? È uno dei papabili, può fare al caso nostro. Ferrari? È recuperato, ma vedremo se impiegarlo dall'inizio, comunque è pronto Peluso che a Napoli ha fatto molto bene".

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti