Juventus, c'è Pjanic in regia. Tentazione 4-2-3-1

© Juventus FC via Getty Images

Allegri ripensa al sistema a "5 stelle" contro l'Atalanta

VINOVO - Prima gli uomini e poi il sistema di gioco. Massimiliano Allegri lo ha ripetuto anche ieri: «A seconda di chi va in campo ci mettiamo in modo magari diverso. Devo cercare di sfruttare le caratteristiche dei giocatori. Non posso far fare a Dybala il terzino o l’ala destra a tutto campo, altrimenti mi strapperebbero il tesserino... (risata)». La tentazione del tecnico juventino è quella di rispolverare il 4-2-3-1 per il recupero di questo pomeriggio contro l’Atalanta (gara rinviata lo scorso 25 febbraio a causa dell’abbondante nevicata).

Il 4-2-3-1 è più che un’idea, ma la certezza si avrà soltanto in mattinata. Il “Conte Max” è abituato a variare i telai di partita in partita e un nuovo cambio, con le 5 stelle (Pjanic, Douglas Costa, Mandzukic, Dybala e Higuain) dal primo minuto, intriga non poco per superare la squadra di Gasperini e portarsi a più 4 sul Napoli. Dipenderà dal risveglio della squadra e in modo particolare dalle sensazioni di Gonzalo Higuain, reduce dalla nuova botta subita contro l’Udinese, ma anche ieri incensato da Allegri: «Stupito del suo assist di domenica? No, perché Gonzalo è un giocatore straordinario, non solo in fase realizzativa, ma anche dal punto di vista tecnico. Ha tempi di gioco, qualità tecnica, è veramente tra i migliori al mondo. Quindi le cose che fa sono normali. Ne ha fatte anche poche, dovrerbbe farne di più». Parole al miele anche per Mario Mandzukic («Per noi è importantissimo»), Dybala e Douglas Costa, che oggi potrebbero giocare assieme in una sorta di versione 2.0 di quel 4-2-3-1 con cui lo scorso anno la Juventus ha sfiorato il triplete.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home