Europa League, Rijeka-Milan 2-0: altra delusione per Gattuso

© LaPresse

La sconfitta è indolore, il primo posto nel girone e la qualificazione erano già in tasca, ma in casa dei modesti croati la squadra di Gattuso non tira mai in porta

RIJEKA (CROAZIA) - Dopo il pareggio beffa di Benevento, il Milan va ancora più giù. A Rijeka la squadra di Gennaro Gattuso perde 2-0 nell'ultimo atto della fase a gironi di Europa League: il primo posto e la qualificazione ai sedicesimi erano già in tasca, ma la figuraccia fa male. Deludono tutti, soprattutto quelle riserve di lusso da cui l'allenatore aspettava risposte: da Biglia a André Silva. Nel giorno che si era aperto con le indiscrezioni sul presunto no dell'Uefa alla richiesta di "voluntary agreement" della società milanista, la gara in Croazia è una nuova notizia preoccupante.

TURNOVER - Il Milan è già sicuro del primo posto nel girone D e Gattuso si concede un ampio turnover. In porta c'è Storari, in difesa Paletta centrale al posto di Bonucci; nei cinque di centrocampo spazio a Calabria, Zanellato, Biglia, Locatelli e Antonelli; in attacco coppia Cutrone-André Silva.

SUBITO SOTTO - L'avvio è subito in salita. Il Rijeka passa al 7' con una punizione spettacolare di Puljic, attaccante centrale che fa passare la palla sopra la barriera e batte Storari. Il Milan accusa la botta e nei primi 25 minuti fa fatica anche solo ad avvicinarsi all'area avversaria. La squadra croata sembra più reattiva, più determinata e sfiora il gol alla mezz'ora ancora con Puljic, che stavolta di testa non centra la porta. Il Milan finalmente si vede al 39' con Cutrone, che scatta sul filo del fuorigioco e anticipa il portiere in uscita: il suo pallonetto finisce sopra la traversa.

E SONO DUE - Il riposo non fa bene alla squadra di Gattuso perché al terzo minuto della ripresa il Rijeka trova il raddoppio: Kvrzic va via sulla sinistra, mette al centro per Gavranovic che anticipa Paletta e di sinistro batte Storari. La risposta milanista è un destro di Antonelli respinto da Elez. È un brutto Milan in questa fase: poco gioco e personalità, tanta confusione. Delude André Silva, mai nel vivo del gioco. Ci prova Biglia al 77' dal limite con un destro su punizione, ma la palla finisce a un soffio dal palo. Poche emozioni nel finale, finisce 2-0 per i croati. Il Milan chiude con zero tiri in porta: domenica sera, a San Siro contro il Bologna, per Gattuso sarà già un esame.

EUROPA LEAGUE, RIJEKA-MILAN 2-0: TABELLINO, STATISTICHE E CRONACA LIVE

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Commenti

Dalla home

Vai alla home