Soriano ed Edera in gol: il Torino si regala la Fiorentina

© LAPRESSE

La squadra di Mazzarri batte il Südtirol Alto Adige con un gol per tempo. Partita non brillantissima, con gli ospiti che reclamano per il gol del pari annullato (era valido). Prime reti stagionali per il trequartista e l'attaccante. Ora il sorteggio per decidere chi giocherà in casa gli ottavi

TORINO - Soriano nel primo tempo, Edera nella ripresa. Con i primi gol stagionali del trequartista e dell'attaccante granata, il Toro di Mazzarri batte l'Alto Adige e si guadagna il passaggio al prossimo turno di Coppa Italia contro la Fiorentina (ottavi di finale). Deciderà il sorteggio in casa di chi. Non una partita brillantissima da parte di Baselli e compagni: in campo una formazione bis, che mai aveva giocato assieme e che denota problemi di intesa e di ritmo. Gli spunti dei singoli comunque regalano il successo anche se gli ospiti dell'ex Zanetti reclamano, e non poco, per la rete del pareggio (di Turchetta) annullata dall'arbitro (era valida). Berenguer è tra i migliori e anche la difesa, completamente rimaneggiata con Bremer, Lyanco e Moretti, tiene. Migliora con il passare dei minuti Lukic. Nella ripresa il tecnico cambia e pensa al Milan che domenica sarà ostacolo molto più duro nella corsa che porta in Europa. «L'obiettivo era passare il turno - dice capitan Moretti - e contro squadre di categorie inferiore puoi fare male. E' stata un'occasione importante per tanti».

Torino-Südtirol 2-0: il tabellino

LE SCELTE - Mazzarri vara il Toro bis, lasciando spazio alle seconde linee, da Ichazo fino a Edera. Per tutti, è un esame da non fallire. Lyanco, poi, dopo il lungo infortunio al piede, deve dimostrare di essere ancora uno da Toro e mettersi alle spalle, definitivamente, un anno sfortunato.

SI SBLOCCA SORIANO - In tribuna, il presidente urbano Cairo e il ds Gianluca Petrachi sono spettatori interessati: andare avanti in Coppa Italia è importantissimo per il club. Il Toro è a trazione anteriore, con Soriano che ha licenza di agire dietro le punte. La squadra granata prende subito il comando delle operazioni, l'Alto Adige dell'ex Zanetti cerca di non scoprirsi. Un po' di affanno nella retroguardia del Toro, peraltro inedita. Costantino spaventa lo stadio: tiro alto dopo un bel contropiede. Al 19' il primo pallone toccato da Zaza: ma dietro, a liberare l'area davanti a Ichazo. Insomma, ospiti che prendono coraggio, granata poco decisi. Edera tenta lo spunto sulla destra, poi Parigini spara in curva. Al 24' Soriano, grazie a una deviazione che spiazza Offredi, trova il primo gol in maglia Toro. Galvanizzati dalla rete, i ragazzi di Mazzarri si sciolgono: Bremer si diverte ad andare in dribbling, con successo. Al 31' il sinistro di Edera, para Offredi. Alto Adige pericoloso prima con tiro da fuori di Fink e poi con Costantino che cade in area su contrasto con Bremer. L'arbitro dice che non è rigore e ammonisce il giocatore di Zanetti. Si chiude qui un primo tempo non brillante per il Toro che ovviamente può fare di più.

EDERA RAMPICANTE - Si ricomincia e i granata sembrano più determinati. Ci prova Berenguer, ma è fuori misura. Risponde l'ex Procopio, senza fortuna. Zaza combatte, su di lui gli avversari però non sono teneri. Sinistro di Edera su punizione senza sbocchi. Parigini accelera sulla destra, manca la conclusione a bersaglio. l'Alto Adige cambia e si rafforza davanti: ci crede. Altro spunto di Berenguer: angolo. Poi Zaza arresta in area, però non riesce a concludere. Al 28' che spaventa per il Toro: Turchetta segna, ma l'arbitro Minelli ravvisa una posizione di fuorigioco e annulla. Protesta degli ospiti, in particolare di Zanetti che non cista («Era regolare», urla). Una gara sotto ritmo, quindi, con i granata che faticano a trovare le giocate e l'Alto Adige che è ben messo in campo e crede nell'impresa. Ola Aina e Meitè devono dare più sostanza e velocità ai granata. Il raddoppio arriva al 36' con Edera e finalmente il Grande Torino si scalda per il sigillo del ragazzo del vivaio. Primo gol stagionale per l'attaccante. Nel finale si mette in evidenza Lukic che impegna Offredi. Finisce sul 2-0 per il Toro, ma Zanetti esce con il volto scuro. Applausi all'Alto Adige, per i granata risultato ottenuto. E adesso anche le seconde linee devono migliorare.


 

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti