Calciomercato, c'è la fila per avere Wanda Nara come manager

© www.imagephotoagency.it

Molti argentini, un paio di nazionali, un paio di nerazzurri e un romanista hanno chiesto di essere assistiti da lei. Per tutti una risposta: prima i figli

«Sono molto, ma molto felice e soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto insieme finora. Per questo sarà sempre Wanda a curare i miei e i nostri interessi fino a fine carriera». Come immaginabile, Mauro Icardi ha preso le difese di Wanda Nara nel day after nerazzurro, ovvero dopo che la signora - nelle vesti di procuratore - ha tracciato un solco tra sé e il mondo Inter parlando ad As («Il rinnovo di Icardi con l’Inter, a oggi, è lontanissimo. Ci sono club molto importanti interessati all’acquisto di Mauro, le due principali spagnole, con cui abbiamo ottimi rapporti, una inglese e una francese. E siamo lontani dall’arrivare ad un accordo con il club visto che non è ancora arrivata una proposta soddisfacente da parte dell’Inter»). Sarebbe un tantino semplicistico ritenere che la difesa di Icardi nei confronti di Wanda sia motivata solo dal fatto che la signora, oltre che il suo procuratore, sia soprattutto sua moglie e madre delle sue figlie.

[...]

LE RICHIESTE - Wanda, che si avvale della collaborazione di Ulisse Savini ed Elio Letterio Pino, unisce l’abilità di Mino Raiola nell’utilizzare a suo piacere i media alla “garra” argentina che ricorda quella che utilizzava nelle trattative Fernando Hidalgo, l’uomo che, pur di fargli rinnovare il contratto, convinse Diego Milito a dire in diretta Tv che forse non sarebbe rimasto all’Inter appena rifilata la doppietta al Bayern nella finale di Champions. Qualità che hanno fatto breccia in molti colleghi di Mauro, tanto che molti - personalmente o tramite le loro mogli o compagne - hanno chiesto a Wanda di rappresentarli. Rivelare i nomi è vietatissimo però nel mazzo ci sono un portiere argentino già nel giro della Nazionale, un attaccante oggi alla Roma, un paio di compagni nella Selección (più tanti calciatori che giocano in Argentina, dove “Uanda”, come la chiamano a quelle latitudini, è una vera star) e pure un paio di giocatori nell’Inter tra cui - come ammesso proprio dalla Nara - uno che gioca anche in maglia azzurra. A tutti la signora ha risposto picche, visto che già si deve occupare dei cinque figli e di tutte le attività legate alla sua carriera da soubrette (che quest’anno si è arricchita con la partecipazione a Tiki-Taka) e ai vari interessi economici della famiglia.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE DIGITALE

Articoli correlati

Dalla home

Vai alla home

Commenti