Milan, per Rabiot ecco le condizioni

© www.imagephotoagency.it

Il centrocampista non rinnova con il Psg. Il giocatore francese è esigente: per dire sì ai rossoneri vuole un ingaggio da top e la garanzia Champions

MILANO - Sarà una missione difficile, al limite dell’impossibile, ma Leonardo vuole provare davvero a regalare al Milan il talento di Adrien Rabiot. Il centrocampista del Psg è un suo pallino da tempo - gli fece firmare il primo contratto da professionista - e il fatto che il suo accordo col club francese sia in scadenza nel giugno 2019 lo rende un obiettivo appetibile per un Milan desideroso di rilanciarsi a livello internazionale. Ma proprio questo suo status contrattuale, Rabiot è nel mirino di molte big europee.

PERICOLO BARCELLONA - Il Milan rispetto alle corazzate che potrebbero scendere in campo - Juventus, Manchester City (dove Rabiot ha passato 6 mesi nell’Accademy nel 2008), Liverpool (piace a Klopp) e soprattutto Barcellona, oggi data per grande favorita per il suo approdo a zero nel luglio 2019 -, parte in svantaggio per il fattore Champions. Rabiot, infatti, per lasciare Parigi “pretende” una squadra che giochi la massima competizione europea e potrebbe accettare il Milan solo se i rossoneri gli daranno la garanzia di disputare la Champions. Garanzia difficile da dare a gennaio, quando un club potrebbe provare ad acquistare Rabiot dal Psg a prezzo di saldo, ma anche a febbraio, quando il ragazzo potrà scegliere liberamente con chi firmare il contratto dal primo luglio 2019. Il Milan ha tutte le intenzioni di rientrare nel grande giro europeo, la vittoria con la Roma ha dato entusiasmo a un ambiente che si era allarmato dopo il tonfo in rimonta subito a Napoli. Sarà dura vista la concorrenza arrivare fra le prime quattro, ma il Milan ci proverà e se Gattuso riuscirà a stare stabilmente fra le prime al giro di boa del campionato, darà certamente una mano a Leonardo in sede di mercato. Rabiot, infatti, potrebbe essere il colpo per permettere al Milan di ridurre ulteriormente il gap con le rivali, considerando anche che nella rosa affidata a Gattuso sembra manchi proprio una mezzala di qualità (c’è Bonaventura, gli altri sono più mediani).

RINNOVO IN STAND-BY - Il futuro di Rabiot a Parigi resta comunque in bilico. Oggi il suo rapporto con il Psg è più che mai complicato e giorno dopo giorno, il giocatore gode di una posizione sempre più privilegiata nei confronti del club anche perché, paradossalmente, in estate il ds Henrique invece di rinforzare la squadra in un reparto in cui veniva a mancare l’esperienza di Thiago Motta, l’ha indebolita con le cessioni di Pastore e Lo Celso, facendo diventare Rabiot ancora più indispensabile per il presente e per il futuro.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Articoli correlati

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home