Torino, un bomber dalla Grecia: sorpresa Araujo

Storia e retroscena di un argentino giramondo: a suon di gol ha saputo trascinare l’Aek al titolo. A Belotti può fare da spalla o da vice

TORINO - Nell’album della sua stagione non può che entrare anche quel gol clamorosamente sbagliato contro l’Asteras: un pallone semplice da spingere in una rete che dista un passo, ma che per uno scherzo della fisica Sergio Araujo spedisce sulla traversa. Un’occasione divorata, non c’è dubbio, ma nell’annata dell’attaccante argentino, tale per cui il Torino è tornato a osservarne i progressi con grande attenzione, ci sono anche 11 marcature in 23 partite disputate nel campionato greco. Ha infatti giocato in prestito nell’Aek Atene con cui ha vinto il titolo, il centravanti cresciuto nel Boca Juniors e sul quale aveva investito pure il Barcellona, nel 2012. Allorquando il ragazzo con grandi qualità, e in attesa della nuova chance giusta per metterle in mostra in un palcoscenico importante, passava dai gialloblù dove è cresciuto al club blaugrana. Con i catalani ha tuttavia giocato soltanto nella seconda squadra, prima di far ritorno in patria, al Tigre, e quindi volare dal 2014-’15 nuovamente in Europa. In tempo per contribuire, da assoluto protagonista, alla promozione nella Liga spagnola del Las Palmas: 23, in 39 gare, le perle dell’argentino nella stagione regolare che hanno lanciato gli isolani nel massimo campionato iberico (Araujo realizza pure 2 gol nei playoff). Un trend che ovviamente lo piazza tra i leader tecnici di un Las Palmas che, nel 2015-’16, affronta da neopromossa la Liga e ottiene la salvezza. Nel torneo successivo, dopo altri 2 gol in 11 partite la decisione di trasferirsi in prestito all’Aek Atene, dove in pochi mesi, tra le varie competizioni, mette a segno 9 marcature. Il discorso si ripete nella scorsa annata, quando dopo appena 2 presenze con il Las Palmas l’attaccante risbarca nella capitale greca. Dove, come detto, anche grazie alle sue 11 reti i gialloneri conquistano un titolo che mancava dal 1994. Un successo storico, insomma, tanto che l’Aek punta al riscatto di un giocatore che, nel momento in cui fosse depositato il contratto di acquisto da parte dei greci, il Toro sarebbe anche disposto a trattare con il club del presidente Aslanidis.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home