Eccellenza - Quando il LG Trino vince prima di scendere in campo

© lgtrino.it

Domenica i ragazzi di Cretaz giocheranno contro il Città di Baveno e, soprattutto, contro i pregiudizi

Biancoazzurri per tradizione, arcobaleno per vocazione. Perché a Trino il calcio è veramente di tutti. E lo sarà, in particolar modo, domenica, ore 14.30, allo Stadio Roberto Picco per il lancio di un'iniziativa in collaborazione con "Arcigay Rainbow Valsesia, Vercelli e Biella". Di che si tratta? Nel big match del girone A di Eccellenza contro il Città di Baveno, la squadra di Cretaz indosserà i colori dell'arcobaleno ai fini di sensibilizzare il mondo del calcio nella battaglia contro l'omofobia. Nel dettaglio il capitano del LG Trino, Alessandro Lopes, porterà al braccio una fascia multicolore mentre tutti gli altri giocatori di casa allacceranno i prori scarpini con stringhe variopinte.


La campagna, denominata appunto "Il calcio è di tutti", è iniziata da giorni anche sui profili social del LG Trino, prima società italiana a dire «stop» all'omofobia nel mondo del pallone. Un primato storico e allo stesso tempo tristemente indicativo. Nel nostro Paese, a differenza di molti Stati europei, l'omosessualità rappresenta ancora un tabù troppo difficile da sfatare, nello sport così come in molti altri settori. Motivo per cui la societá del presidente Giuseppe Buffa risulta doppiamente encomiabile. La partita contro l'omofobia inizia adesso e, non fraintendano i tifosi del Baveno, va vinta davvero a tutti i costi.

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home