NBA, Isaiah Thomas; "Nulla da dimostrare ai Cavs"

Il play nativo di Tacoma ha parlato ai cronisti dopo la grande partita giocata contro i Cavaliers, sua ex squadra

ROMA - Arrivato in estate ai Cavaliers nel caloroso scambio che ha portato Kyrie Irving ai Celtics, Isaiah Thomas ha dovuto fare i conti con il lungo recupero dall'infortunio all'anca e in maglia Cavs non ha potuto esprimere tutto il suo potenziale avendo giocato soltanto 15 gare in cui ha viaggiato ad una media di 14 punti e 4 assist. Nell'ultimo giorno di mercato, come un fulmine a ciel sereno, il giocatore è stato ceduto ai Lakers nell'ambito della vera e propria rivoluzione attuata dai Cavaliers. Questa notte per "IT" si è presentata la priam occasione  per far vedere alla sua ex squadra di cosa è capace e lui l'ha colta al volo siglando 20 punti e distribuendo 9 assist. A fine gara però il folletto nativo di Tacoma ha cercato di non alimentare polemiche nei confronti della sua ex squadra: «Non credo di aver nulla da dimostrare a nessuno. Sanno cosa sono capace di fare. Ho giocato 15 partite con loro, quindi non c'è nulla da dimostrare. Il mondo sa quelle che sono le mie capacità in campo. Per me era una gara come un altra e ci siamo impegnati alla morte con la squadra per battere un grande avversario».

Articoli correlati

Tutto Sport TV

Le nostre Rubriche

Live

Commenti

Dalla home

Vai alla home