L’Italian Master di golf, il torneo organizzato da Tuttosport, ha vissuto la terza tappa al Royal Park I Roveri.

Si è tenuto domenica 8 Luglio il terzo appuntamento con l’Italian Master, il primo torneo di golf organizzato da Tuttosport.

TORINO - Come nelle precedenti tappe, disputate il 10 giugno a Bologna e il 23 giugno a Milano, tanti appassionati e curiosi hanno assistito alla gara del Royal Park I Roveri di Torino di uno degli sport più nobili al mondo. Sponsor della manifestazione nel capoluogo piemontese come per la prima tappa è stato Qooder e supporter sponsor la Fonderia Watch, la quale ha messo in palio tre orologio che si sono aggiudicati altrettanti giocatori estratti a sorte.

I VINCITORI DELLA TERZA TAPPA. Nella prima categoria, 0-12, ha trionfato Paolo Raccagni che è riuscito a scalzare di una sola posizione Laura Forneris, aggiudicandosi il posto più alto del podio anche nella classifica per il lordo. Alberto Audisio ha vinto nella seconda categoria, 13-20, mentre Roger Pinarello si è dovuto accontentare della medaglia d’argento. Il vincitore della terza categoria, invece, quella 21-36, è Francesco Bafunno, che ha avuto la meglio per un solo punto su Ludovico Barbero, che si è classificato secondo.


I PROSSIMI APPUNTAMENTI. Il torneo, dopo il grande successo delle prime tre tappe, si prenderà una breve pausa nel mese d’agosto e riprenderà il 15 settembre all’Asolo Golf Club di Treviso prima di concludersi nella tappa di Roma che si disputerà il 13 ottobre al Marco Simone & Country Club che sarà sede della prestigiosa Ryder Cup 2022.

Grande successo per il gioiello di Quadro Vehicles
Tra i protagonisti della terza tappa dell’Italian Master Golf al Royal Park I Roveri di Torino c’è stata anche Qooder, la nuova creatura della svizzera Quadro Vehicles, azienda leader nella produzione di veicoli a tre e quattro ruote basculanti. Paolo Gagliardo, Ceo di Quadro Vehicles S.A ha affermato: «Oltre al torneo di golf gli ospiti hanno apprezzato la classe di un veicolo unico al mondo: elegante, sicuro e divertente. Qooder continua a stupire i driver più esigenti e anche a Torino si è distinto per la sua versatilità. Il pubblico ha potuto testare una guida esclusiva, proprio come nello spirito del golf: in fondo, i due mondi si appartengono.» Qooder può vantare il sistema brevettato HTS Hydraulic Tilting SystemTM, che gli consente di inclinarsi come una moto a 2 ruote ma di mantenersi aderente all’asfalto grazie alle sue 4 ruote da 14 pollici, garantendo così massima sicurezza per chi è a bordo. 

Articoli correlati

Commenti

Dalla home

Vai alla home