Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Juventus, Allegri al bivio per l'Olimpo del calcio

Vai alla versione integrale
© Marco Canoniero
Tante aspettative e meno alibi che in passato, ora ha tutto per puntare a vincere in Europa: consapevolezza e Ronaldo

TORINO - In fondo il didascalico giudizio che l’altro ieri Massimiliano Allegri ha utilizzato per illustrare l’immagine del consesso di tecnici riuniti con lui a Nyon per l’annuale riunione Uefa può essere traslato in chiave bianconera: «All together we are a team, and we care about football». Cioè: «Tutti insieme siamo una squadra e ci prendiamo cura del calcio». Alla Continassa magari suonerà così, sostituendo il football con nove lettere fascinose: «Tutti insieme siamo una squadra e ci occupiamo della Champions». Sì, perché mai come in questa stagione il torneo che conta di più è quello lì. E pazienza per gli anti juventini che amano equiparare il trofeo in questione a un convenzionale portaombrelli: la competizione è altro, per fortuna.

Il tuo browser non supporta questo video

Le ambizioni, che fanno rima con le pressioni supplementari, non spaventano Max. Un allenatore scaltro di 51 anni che conosce alla perfezione le regole di questo mondo. E se in 4 anni vinci e rivinci tutto o quasi in Italia, non in Europa, sai che al popolo bianconero potrebbe non bastare. Sono 22 anni, del resto, che i tifosi più invidiati d’Italia non provano un senso di eccezionale liberazione: è l’effetto che in oltre 4 lustri hanno provato gli irriducibili sostenitori del Real Madrid, trionfanti in 7 edizioni nel periodo storico considerato. Quel profumo di invincibilità che gli stessi tifosi del Barcellona hanno sentito in 4 circostanze, anche solo per la soddisfazione di interrompere il dominio merengue nel 2015. A proposito: il 6 giugno di quell’anno gli juventini nel mondo hanno cominciato a capire che forse alla Champions si poteva di nuovo aspirare. Fino a ri-toccarla, prima o poi.

Il tuo browser non supporta questo video

Da Berlino si ripartirà, passando per Cardiff e senza dimenticare - in un mix di sorrisi e mazzate sull’autostima - le tappe che pur non avendo portato a un successo finale hanno accresciuto la percezione di un traguardo da riconsiderare come alla portata: il Real - al quale ha detto no a primavera inoltrata - steso da Alvaro Morata, il Borussia Dortmund tramortito da una lezione di gioco firmata Carlitos Tevez, il Barcellona distrutto da un Paulo Dybala mai così ufo sul palcoscenico continentale. E a parte le finali, nel percorso della coscienza europea avranno un peso altre terribili delusioni dell’ultimo quadriennio. Bastano due luoghi e due date da memorizzare sul Google Maps bianconero: Monaco di Baviera, 16 marzo 2016; Madrid, 11 aprile 2018. Lezioni di vita da mandare a memoria.

Ora, però, dall’altra parte della strada c’è lui, Cristiano Ronaldo, mister 5 Champions con 121 gol a bilancio. E tutto sarebbe più facile se il calcio fosse una questione di numeri.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Juventus, Ronaldo si allena con l'occhio nero. Can-Khedira studiano l'intesa