Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Ribalta: «Zenit stile Juve»

Vai alla versione integrale
Il ds dei russi: «Sms e telefonate. Vi spiego come è nato l'affare Marchisio. Il ritorno di Pogba? No, più Marcelo»

Il grande regista dell’affare Marchisio-Zenit è un intraprendente ragazzo catalano di 37 anni con un grande fiuto per i talenti che negli anni torinesi prima è stato vicino di casa del ds juventino Fabio Paratici, poi è stato in affitto in un appartamento di proprietà di Giorgio Chiellini. Javier Ribalta, in passato osservatore e capo scouting di Torino, Milan, Novara, Juventus e Manchester United, dal 31 luglio è il direttore sportivo del club di San Pietroburgo. «Quando il 17 agosto ho saputo che Marchisio aveva rescisso il contratto, ho subito chiamato Claudio. Nessun intermediario: lo avevo conosciuto bene nei miei cinque anni alla Juventus. Mi è sembrato interessato e intrigato dal nostro progetto fin dal primo istante, sinceramente non ho mai temuto potesse scegliere un club diverso».

Il tuo browser non supporta questo video

Perché?
«Perché Claudio, già al primo colloquio telefonico, è stato molto chiaro sulle sue due priorità. La prima: una squadra che gli consentisse di non incrociare la Juventus da avversario per rispetto dei tifosi bianconeri. La seconda: lottare per vincere, che per lui è importantissimo».

Lo Zenit, in effetti, è in Europa League e in testa al campionato russo.
«Diciamo che il rischio di affrontare la Juventus speriamo di correrlo il prossimo anno (risata). Claudio mi ha convinto da subito: non l’ho trovato triste, bensì motivato e voglioso di giocare e provare questo tipo di avventura. Qui era stato già con la Juve, poi ha parlato con Criscito che naturalmente gli ha parlato benissimo della società e della città. Di Claudio mi ha colpito un messaggio della scorsa settimana su WhatsApp: “Javier, sai che sono abituato a vincere e voglio continuare a vincere”. Sono certo che per lo Zenit sarà un buon affare. I nostri tifosi sono contentissimi, oltretutto a San Pietroburgo sono tanti i simpatizzanti della Juventus. Ma Marchisio è un colpo importante soprattutto a livello tecnico: mi auguro che aggiunga alla nostra squadra, che è già forte, un pezzo della straordinaria mentalità vincente della Juve».

[...]

In futuro vede più possibile il ritorno di Pogba alla Juventus, un altro parametro d’oro alla Rabiot o un colpaccio alla Marcelo?
«Marcelo. Gli altri due mi sembrano impossibili».

Leggi l'intervista completa sull'edizione odierna di Tuttosport