Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Juventus, la vera storia del premio negato a Cristiano Ronaldo

Vai alla versione integrale
© Marco Canoniero
Il premio di miglior giocatore Uefa è stato assegnato con una giuria di giornalisti e tecnici tenendo conto anche del Mondiale (che è Fifa). Le pressioni del Real Madrid

TORINO - Cristiano Ronaldo non ha fatto una figura proprio impeccabile snobbando la premiazione di Monte Carlo, tuttavia non è stato un trionfo neppure per l’Uefa che, dopo aver assegnato un premio sostanzialmente immeritato a Luka Modric, si arrampica spericolata sugli specchi per giustificarlo. A fronte di un CR7 nettamente migliore del croato in Champions League, infatti, viene incluso il Mondiale nelle competizioni in cui guadagnare consensi. E così, il premio intitolato “Miglior giocatore Uefa” viene assegnato sulla base di una competizione Fifa. In passato si era sempre tenuto conto delle competizioni strettamente europee e in particolare della Champions, forse il più prestigioso dei tornei Uefa. E se il criterio fosse stato quello, Ronaldo era stato oggettivamente più determinante del compagno: date 12 partite giocate da CR7 e 11 da Modric; il primo ha segnato 15 gol, il secondo 1; il primo ha firmato 3 assist, il secondo 1; il primo è stato valutato per 4 volte il migliore in campo, il secondo zero. E se non bastassero i numeri, pensate ai momenti emozionanti o cruciali della scorsa Champions, partendo dall’ormai iconica rovesciata all’Allianz Stadium, premiata come più bel gol della stagione, o del rigore al 93’ nella gara di ritorno contro la Juventus: quando CR7 ha inventato l’azione conclusasi con il fischio del penalty e ha avuto i nervi d’acciaio per batterlo in maniera mostruosa. In quel momento, Modric era in panchina, dopo essere stato surclassato da Khedira e Matuidi.

L’ANOMALIA - Modric, che rimane uno dei più straordinari centrocampisti d’Europa ed è comunque stato uno dei protagonisti della stagione del Real, ha guadagnato punti al Mondiale, nel quale è stato uno dei trascinatori della miracolosa Croazia e, dopo la finale persa con la Francia, èstato insignito del premio di miglior giocatore della competizione. In passato, però, il premio di migliore giocatore Uefa non aveva tenuto conto del Mondiale, tant’è che nel 2014 è stato assegnato proprio a Ronaldo, reduce da una Coppa del mondo mediocre (Portogallo fuori ai gironi, un solo gol per CR7).

Leggi l'articolo completo su Tuttosport in edicola