Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Juventus, CR7 ha finito le maglie: comprati circa 55.000 pezzi in 3 settimane

Vai alla versione integrale
© Juventus FC via Getty Images
L’incasso è intorno ai 6,3 milioni. La proiezione a fine anno può stare tra i 55 e i 65

TORINO - Tutto esaurito. I biglietti per andare a vedere l’amichevole di Villar Perosa, quelli per la prima partita della Juventus in campionato e le magliette negli store del club. Ronaldomania è poco per descrivere il fenomeno che ha visto scomparire dagli store bianconeri la scorta di magliette che dovevano bastare per un anno. In poco più di tre settimane, da quando cioè è stato dato l’annuncio che era diventato un giocatore della Juventus e la maglia bianconera numero sette è diventata un oggetto di culto. E ora praticamente impossibile da trovare, a meno di rinunciare alla cosidetta “authentic home” (prezzo 140 euro, la versione più vicina a quella effettivamente indossata dai giocatori di Allegri) e di acquistare la “home” (prezzo 90 euro in un tessuto differente e con qualche piccolo dettaglio diverso), della quale restano comunque pochi pezzi.

Il tuo browser non supporta questo video

L’effetto CR7, quindi, è un tornado che ha spazzato via l’ordine che la Juventus aveva stabilito con il produttore Adidas affinché le scorte bastassero per un anno, più o meno 55mila magliette. Poca lungimiranza da parte degli addetti bianconeri? No, perché quando l’ordine è stato comunicato all’azienda tedesca, esattamente dodici mesi fa come da protocollo, i responsabili del commerciale non potevano immaginare che Cristiano Ronaldo firmasse per la Juventus. Quindi hanno aumentato il numero di magliette prevedendo una crescita delle vendita, ma in linea con l’incremento degli anni passati (nell’intera stagione 2016- 17, per esempio, erano state vendute oltre 41mila maglie e la cifra era salita nel corso della passata stagione nell’ordine del 10-15%). Insomma, erano abbastanza sicuri che non sarebbero bastate per far fronte all’assalto degli appassionati di Cristiano Ronaldo e dei tifosi della Juventus esaltati dall’acquisto, ma forse neppure loro si aspettavano un successo così clamoroso da bruciare in meno di un mese le scorte che dovevano durarne dodici. Con un calcolo si può approssimare che l’incasso complessivo delle maglie (in parte home e in parte home authentic) possa aver sfiorato i 6,5 milioni e mezzo. E in proiezione si può calcolare che il ricavato lordo della sola vendita delle magliette potrebbe toccare una cifra fra i 55 i 65 milioni di euro. Lordo perché la Juventus incassa, ma deve anche pagare le spese per la gestione dei negozi e il produttore delle magliette (Adidas) che le fabbrica.

Il tuo browser non supporta questo video

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport