Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Mancini: «La Juventus è sempre la più forte»

Vai alla versione integrale
© LAPRESSE
Il ct azzurro in conferenza stampa: «Siamo all'inizio e le cose possono cambiare radicalmente in futuro. De Rossi e Buffon? Porte aperte, se serve li chiamo»

FIRENZE - «La Nations League è importante, meglio delle amichevoli, il nostro obiettivo è giocarla bene e vincere il gruppo». Sono le parole del ct Mancini nel primo giorno di raduno a Coverciano in vista dell'esordio di venerdì al 'Dall'Ara' di Bologna contro la Polonia. «La stagione si era conclusa meglio, quasi tutti giocavano - ha spiegato il coach azzurro - In questo inizio qualcuno ha giocato poco in queste tre partite ma essendo giocatori di qualità recupereranno. Mai ci sono stati così pochi italiani, però dobbiamo cercarli e trovarli e per questo abbiamo chiamato giocatori più giovani per vederli e capire cosa possono darci in futuro».

Il tuo browser non supporta questo video

«Certi giovani che stanno in panchina sono più bravi di alcuni stranieri che giocano titolari. Dobbiamo cercare delle soluzioni, e crediamo sia cosa buona e utile convocare qualche giocatore in più per farli ambientare in Nazionale – ha continuato Mancini -. Pellegrini in questo momento è in panchina, Cristante gioca poco. La speranza è che giocatori così possano trovare spazio nel prosieguo del campionato. All'estero i giovani giocano, non si fanno problemi se commettono errori e dopo dieci partite restano in prima squadra».

Il tuo browser non supporta questo video

«Sono molto fiducioso, sono giocatori che hanno qualità tecniche e fisiche per fare una buona squadra. E sono curioso di vederli in Nations League, in partite più solide delle amichevoli dove sono in palio i tre punti. Se ho pensato a De Rossi? Ci ho parlato, fa parte di quei giocatori esperti che potremmo chiamare per le qualificazioni. È a disposizione, la cosa non gli crea problemi. Anzi è contento. Non c'è bisogno di vederlo e può giocare le partite decisive. Buffon? Il discorso vale anche per lui e per tutti quelli che giocano, anche se il nostro focus è su chi c'è adesso e chi potrà esserci il prossimo anno». Poi una battuta su Balotelli: «È dimagrito? Sì, di 8-9 grammi...» ha scherzato il 'Mancio'.

Il tuo browser non supporta questo video

«La Juventus dimostra di essere ancora la più forte. Siamo all'inizio e le cose possono cambiare radicalmente in futuro. Le seconde squadre? Possono aiutare, chi non gioca nella prima può giocare nella seconda a certi livelli» ha concluso il ct azzurro. (in collaborazione con Italpress)