Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Lazio, Inzaghi: «Grande amarezza, ora però il derby»

Vai alla versione integrale
© AFPS
Il tecnico dopo il crollo in Europa League: «Il Salisburgo ha meritato». Parolo: «Ci manca qualcosa per competere a certi traguardi». Lulic: «È andato tutto storto»

TORINO – "E' stata una bellissima cavalcata, emozionante. Spiace non aver regalato ai tifosi una semifinale che era a un passo, ma il Salisburgo ha meritato la semifinale. Ora c'è tanta amarezza, però domenica abbiamo una grande chance, il derby: dobbiamo cercare di recuperare energie fisiche e mentali". Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi prova subito a guardare avanti dopo la sconfitta contro il Salisburgo e l'eliminazione dall'Europa League. "Una volta trovato il vantaggio c'è stato un black-out che non ci voleva, perché avevamo la qualificazione in pugno - ha sottolineato l'allenatore biancoceleste ai microfoni di Sky Sport - Loro hanno fatto cinque tiri in porta e quattro gol, noi gli stessi tiri ma non abbiamo segnato. Delle quattro reti subite, tra l'altro, due sono state autoreti, ma nel calcio ci sta: non credo che sia stata una partita stregata, abbiamo avuto le occasioni per sistemarla, non ci siamo riusciti. Ci servirà come esperienza per crescere, dobbiamo essere fieri del cammino fatto in Europa League e concentrarci sul campionato. Mancano sette partite, siamo li', nessuno ci ha regalato nulla e ora dobbiamo giocarci le nostre chance per cercare di raggiungere una posizione molto importante".

PAROLO - "Non siamo ancora una squadra che può ambire a certi traguardi in Europa. Ci manca qualcosa, perché altrimenti una partita così non la puoi perdere e abbiamo peccato di sufficienza una volta segnato l'1-0, pensando che la partita fosse chiusa". Così il centrocampista della Lazio, marco Parolo, dopo l'eliminazione dall'Europa League. "Contro le squadre europee, fino a che l'arbitro non fischia tre volte, la partita non è mai finita. Dobbiamo fare mea culpa, resettare tutto e ripartire domenica perché abbiamo una partita importante - ha proseguito Parolo ai microfoni di Sky Sport -. Avevamo il controllo assoluto della partita e abbiamo avuto un'altra occasione per fare il 2-1. Dopo l'1-0 siamo stati dei polli a prendere gol subito, perché gli abbiamo dato morale e questo ci ha tagliato le gambe. Non siamo stati bravi ad avere la reazione morale giusta", ha concluso.

LULIC - "Siamo partiti bene, il primo tempo è finito 0-0, poi siamo anche andati in vantaggio: tutto era perfetto, poi siamo crollati in modo inspiegabile. Avremmo dovuto gestire meglio il pallone e il risultato, ma in quei quindici minuti abbiamo avuto un black-out". Questa l'analisi del capitano della Lazio Senad Lulic dopo la sconfitta contro il Salisburgo e l'eliminazione dall'Europa League. "Come ha detto Parolo, a questi livelli se perdi la concentrazione subisci quattro gol in pochi minuti - ha sottolineato Lulic ai microfoni di Sky - Ci dispiace, non abbiamo fatto quello che dovevamo. Calo fisico? Penso di no, più che altro un calo mentale perché dopo il loro pareggio avevamo il risultato ancora a nostro favore. E' andato storto tutto, il gol del 3-1 ce lo siamo fatto da soli".

in collaborazione con Italpress