Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Marotta: «Premio a Modric? Profonda amarezza, meritava Ronaldo». Mendes: «Ridicolo»

Vai alla versione integrale
© www.imagephotoagency.it
Il dirigente della Juventus è critico sulla scelta di assegnare il titolo di miglior giocatore della scorsa Champions al centrocampista croato: «L’assenza di CR7 è stata una decisione personale che va rispettata»

TORINO - «Posso dire che l'assenza di Cristiano Ronaldo ai sorteggi di Montecarlo è stata una decisione personale, presa nel corso della giornata, che dobbiamo e vogliamo rispettare. Da parte nostra c'è profonda amarezza per questa decisione, lo dico da dirigente e appassionato di calcio: il premio era un riferimento alla Champions League e non al Mondiale, e noi riteniamo che Ronaldo abbia regalato le migliori emozioni, anche cose straordinarie. Non tolgo niente alla decisione di giornalisti e allenatori, dico che avrei votato Ronaldo, lo dico come appassionato». L'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta, ai microfoni di Sky Sport, critica la scelta di assegnare l'Uefa Best Player a Luka Modric anziché a CR7, che non si è presentato alla premiazione avvenuta oggi durante i sorteggi della fase a gironi di Champions. «Ronaldo, lo ribadisco, non è venuto per una scelta personale che va assolutamente rispettata, è una questione privata - assicura -. Cristiano è un grande professionista e fa dell'allenamento un momento importante, sono certo che non è stato qui a Montecarlo ma che ha continuato la preparazione per Parma».

Il tuo browser non supporta questo video

SUI SORTEGGI - «I commenti di questi momenti sono sempre i soliti: girone abbordabile, tutto dipende da noi stessi, dalla motivazione e dalla determinazione con cui affrontiamo un torneo in cui la partita singola è determinante. Dobbiamo continuare con la caratteristica di sempre, ovvero con una Juventus determinata e motivata. Non so se partiamo più o meno favoriti del Real, ma siamo tra i favoriti e non ci nascondiamo - aggiunge Marotta -. Quella di Ronaldo è stata un'operazione straordinaria condotta dal presidente Agnelli, noi vogliamo lottare fino in fondo per trasformare questo sogno in grande realtà». (in collaborazione con Italpress)

Il tuo browser non supporta questo video

MENDES: «È RIDICOLO» - Anche Jorge Mendes ha contestato la mancata assegnazione del premio a Cristiano Ronaldo. «Il calcio si gioca all'interno di quattro linee e lì Cristiano Ronaldo è il vincitore. Ha segnato 15 gol, portando il Real Madrid sulle proprie spalle e conquistando un'altra Champions League. È semplicemente ridicolo. E in questione non c'è il vincitore, che è il migliore nel proprio ruolo».