Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

De Laurentiis: «Bari non sarà mai appendice del Napoli. Porto Sacchi e Filippo Galli»

Vai alla versione integrale
© /Agenzia Aldo Liverani S.a.s.
Il Presidente partenopeo, neo-proprietario anche dei Galletti, promette riforme importanti: «Voglio due squadre in A»

TORINO - «Il Bari ha una storia composita, lunga. Ci sono nei 110 anni di storia molti anni belli e molti meno belli. Ora ci aspetta una cavalcata rapidissima per tornare in A e per modificare le regole che non permettono di avere due squadre in A. Sono un guerriero, vi garantisco di essere pronto a dar battaglia». Così si è presentato a Palazzo di Città di Bari Aurelio De Laurentiis, neo-proprietario del Bari Calcio, dopo aver ricevuto dal sindaco del capoluogo pugliese Antonio Decaro il titolo sportivo della squadra da rifondare. «Bari non sarà mai un'appendice del Napoli e per fugare questo timore ho convito mio figlio Luigi - che non si è mai interessato di calcio - ad interessarsi del Bari. Poi ho chiamato Arrigo Sacchi per chiedergli di essere consulente e sentito Filippo Galli per seguire il vivaio», ha specificato De Laurentiis.

Il tuo browser non supporta questo video

«Striscioni di contestazione da Napoli? Ho pagato parecchi soldi per fare un'indagine sulla tifoseria del Napoli ed è risultato che oltre 40 milioni di persone tifano il Napoli come prima squadra, mentre sono oltre 120 milioni quelli che lo tifano come seconda squadra. E allora non mi posso preoccupare solo dei dissidenti che vengono allo stadio e che hanno un concetto antico di possesso del club», le parole di Aurelio De Laurentiis nella conferenza stampa di presentazione come nuovo Presidente della Ssc Bari.

Il tuo browser non supporta questo video