Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Golf, McIlroy e il sogno Masters per completare il grande Slam

Vai alla versione integrale
© Getty Images
Dopo il ritorno al successo adesso punta il major di Augusta

ROMA - Un'attesa lunga 539 giorni. Spezzata da un successo che mancava dal 25 settembre 2016 (Tour Championship a Washington). Con il trionfo in Florida all'Arnold Palmer Invitational (PGA Tour) di golf, Rory McIlroy è tornato tra i grandi della disciplina conquistando anche il 7/o posto nella classifica mondiale condotta, da oltre un anno, dall'americano Dustin Johnson. Gli infortuni e la rottura con lo storico caddie J.P. Fitzgerald, arrivata dopo l'ultimo Open Championship in Inghilterra, per il nordirlandese sono ormai solo un lontano e brutto ricordo. Perché dopo un 2017 al di sotto delle attese e senza nemmeno una vittoria sul green, McIlroy ha iniziato il 2018 alla grande. Prima con un 2/o posto nell'Omega Dubai Classic (European Tour) e poi con la gioia di Orlando. A dimostrazione che i problemi, non solo fisici, sono totalmente risolti.

Il grande ritorno dell'ex numero uno al mondo s'è materializzato a poche settimane dal Masters di Augusta (5-8 aprile), l'unico major che manca nel palmares di McIlroy per completare il grande slam e finire l'opera. Interrompendo così una maledizione che dura ormai da anni. In Georgia (Stati Uniti) il 28enne di Holiwood è pronto a tutto. Ma per indossare la mitica "Green Jacket" dovrà fare i conti con tutti i big del green. Il miglior piazzamento fatto registrare in carriera ad Augusta risale al 2015. Un quarto posto mai digerito dall'ex leader mondiale, che ha chiuso il torneo distante sei colpi dal vincitore Jordan Spieth. Ma adesso è tutta un'altra storia. Con McIlroy che insieme a Tiger Woods, almeno per i bookmakers, è tra i grandi favoriti al titolo.