Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Mini, dal 2019 sarà anche elettrica

Vai alla versione integrale
Secondo BMW entro il 2025 le vendite di modelli elettrici rappresenteranno tra il 15 e il 25% del totale

ROMA - Il Gruppo BMW conferma che l’elettrificazione della gamma è uno dei punti cardine della strategia degli anni a venire. Entro il 2020 arriverà la nuova piattaforma elettrica per sviluppare diversi modelli del gruppo ma intanto nel 2019 debutterà la Mini 100% elettrica, una novità assoluta per il brand britannico. Questa variante si affiancherà alle tradizionali benzina e diesel, senza dimenticare l’ibrida plug-in.

PRODUZIONE - Il motore elettrico e la batteria della Mini verranno costruiti a Dingolfing e a Landshut, ovvero gli stabilimenti del Gruppo BMW dedicati alla mobilità elettrica. Da qui, questi componenti verranno spediti all’impianto di Oxford, cioè il principale impianto di produzione della Mini a 3 porte. Guardando al futuro, secondo BMW entro il 2025 le vendite di modelli elettrici rappresenteranno tra il 15 e il 25% del totale.

FUTURO - Una forbice dovuta a fattori come le normative, gli incentivi e le infrastrutture di ricarica che ogni singolo Paese sarà in grado di implementare. Per rispondere al meglio a questa domanda flessibile BMW attrezzerà i propri stabilimenti in modo che siano in grado di produrre alternativamente modelli con motori a combustione, elettrici oppure ibridi plug-in.

GAMMA - A questo proposito, lo stabilimento di Dingolfing costruirà le varianti ibride plug-in delle nuove BMW Serie 5 e Serie 7, mentre dal 2021 si occuperà anche della produzione della i NEXT, ovvero quella che sarà l’ammiraglia elettrica del marchio. Nel frattempo, nel corso del 2018 arriverà la BMW i8 Roadster e nel 2020 anche la X3 avrà una variante 100% elettrica.