Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Ducati, la Multistrada entra nell'Arma dei Carabinieri

Vai alla versione integrale
Le motociclette di Borgo Panigale saranno già operative durante il prossimo G7 a Taormina

ROMA - Le Ducati Multistrada 1200 S e Multistrada 1200 Enduro fanno ufficialmente ingresso nel parco veicoli a disposizione dell’Arma dei Carabinieri. Le moto della Casa di Borgo Panigale vanno a rafforzare il parco mezzi del servizio di pronto intervento e controllo del territorio dei Nuclei Radiomobili delle principali città italiane, iniziando con Roma e Milano. Il debutto avverrà con un evento importante come il prossimo G7, in programma a Taormina il 26 e 27 maggio 2017.

ALLESTIMENTO - Le Multistrada 1200 S e Multistrada 1200 Enduro sono state realizzate per l’Arma con i colori e i loghi della livrea istituzionale, oltre a vantare lo specifico allestimento previsto per questo utilizzo e progettato da Focaccia Group Automotive. Le moto di serie sono state integrate con appositi dispositivi sonori e luminosi, equipaggiate di radio veicolare CC e predisposte all’alloggiamento per l’armamento di reparto.

DOMENICALI - «Ducati è particolarmente orgogliosa di poter mettere a disposizione la tecnologia, lo stile e la qualità delle proprie moto all’Arma dei Carabinieri - ha commentato Claudio Domenicali, ad di Ducati - L'Arma potrà contare sul meglio della tecnologia avanzata Made in Italy a due ruote per il segmento dual touring. Con i suoi 160 CV la Multistrada è un veicolo eccezionale come combinazione tra prestazioni, indispensabili per i particolari impieghi a cui l'Arma utilizza questi veicoli, comfort, guidabilità e capacità di carico».

DEL SETTE - «È motivo di grande soddisfazione e orgoglio - ha affermato il Comandante Generale dell'Arma, Tullio Del Sette - che la Ducati abbia messo a disposizione dell’Arma questi gioielli dell’industria italiana delle due ruote. Sia la moto che la Casa rappresentano eccellenze italiane riconosciute a livello internazionale, dove anche l’Arma esprime la sua cifra distintiva. Legare il nome dell’Arma dei Carabinieri al marchio Ducati, costituisce un evento di grande importanza storica che darà importanti risultati già a partire dai prossimi giorni in occasione del G7 di Taormina»