Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

Non solo i big storici: la Juve e il nuovo Senato...

Vai alla versione integrale

Ora tocca anche a Dani Alves, Higuain, Pjanic e Dybala

TORINO - Ci sono i leader acclarati, riconosciuti per meriti oggettivi: i “senatori a vita”. Gente come Gigi Buffon, oppure Patrice Evra, o ancora un componente qualsiasi della triade difensiva doc, non ha bisogno di sfornare ulteriori prove della propria unicità per dimostrare quanto sia fondamentale per le sorti della Juventus. Il famoso discorsetto di undici mesi fa a Reggio Emilia dopo il ko con il Sassuolo, più gli ulteriori confronti delle ore successive, hanno fatto storia in questo senso. Ma nella Juventus del terzo anno accademico allegriano risalta una novità, fra le tante, portata dall’ultima sessione di calciomercato. Nei momenti di difficoltà c’è un clan che si aggiunge ai “santoni” succitati, pronto a recitare il ruolo di sollevatore del morale della truppa. Coloro che si prendono la squadra sulle spalle, tra big arrivati da poco e altri elementi che a Torino già si erano sistemati ma d’ora in poi vedranno crescere man mano il loro “peso” sui compagni.

JUVE, ORA UNA BOTTA AL CAMPIONATO

Leader e futuri leader Dani Alves e Gonzalo Higuain su un fianco, Paulo Dybala sull’altro, con Miralem Pjanic nel mezzo, a mo’ di eccezione: l’ex romanista non è mai stato un leader, piuttosto la sua classe si stagliava fra i mediani tecnici della rosa giallorossa e pure alla Juventus sta facendo le prove di un’egemonia ancora da dimostrare. Però sono loro i “moderni” condottieri in testa al gruppo dei campioni d’Italia. Non che i senatori “attempati” contino meno, anzi, tuttavia l’influenza di star come il brasiliano e il Pipita è assolutamente al di sopra della media.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Gianluigi Buffon in smoking, il selfie è "come una volta"