Home

Calcio

Formula 1

Moto

Motori

Basket

Tennis

Volley

Tuttosport

LIVE

A Caponord con la Tesla in 9 giorni per una raccolta fondi

Vai alla versione integrale

Lo scopo di questo viaggio è raccogliere fondi per Open BioMedical Initiative e diffondere una incubatrice neonatale che si costruisce con la stampa 3D

ROMA - Percorrere 10.000 chilometri in 9 giorni a bordo di un’automobile non è impresa facile. Se poi l’auto in questione è totalmente elettrica, il tutto diventa particolarmente difficile. Ma se l’intento è nobile, nessuna fatica può fermare i protagonisti, che sono cinque, sono medici italiani e guidano una Tesla Model S. Sono partiti venerdì scorso alle 12 da Piazza San Pietro, nel cuore di Roma, e sono già ripartiti dopo aver raggiunto Capo Nord, per arrivare a Venezia entro sabato pomeriggio. Lo scopo di questo viaggio non è una “zingarata”, ma raccogliere fondi per Open BioMedical Initiative, un’organizzazione no profit che cerca di aiutare le persone che non possono permettersi cure adeguate, usando la tecnologia.

L’unico “ospite” estraneo al gruppo di Tesla’s Future Capo Nord è BOB, cioè una incubatrice neonatale che si costruisce con la stampa 3D e che, nelle intenzioni dei promotori, dovrebbe essere disponibile per chiunque ne abbia bisogno. Lo scopo della missione è proprio sensibilizzare il pubblico su questo prezioso strumento, a cui è collegata una raccolta fondi. La diretta del viaggio, invece, è sulla sulla pagina ufficiale del team “TeslasFuture“ su Facebook o sul sito teslasfuture.com.

L’organizzazione del viaggio prevede di guidare pressoché continuamente, tranne le brevi soste per ricaricare la batteria che vengono effettuate ogni 200 km circa. Le soste sono programmate in funzione della presenza dei Supercharger – le stazioni di ricarica firmate Tesla che consentono di ripristinare l’80% degli accumulatori in meno di 30 minuti – e durano circa 20 minuti in cui il pacco batterie viene ricaricato al 75%. Si tratta di una scelta ponderata, perché permette di massimizzare l’efficienza delle batterie e lascia libero l’ultimo quarto di capienza che richiederebbe un tempo assai maggiore. 

Nuova Tesla Model S, addio griglia